La terza via: il consulente di viaggio

Agente-Di-CommercioAbbiamo finora parlato di agenzie di viaggio tradizionali, strutturate su un ufficio/negozio commerciale su strada (ma non è detto), generalmente dotato di una vetrina nella quale esporre offerte, fotografie o riprodurre filmati, in modo da attirare potenziali clienti.

Ma in tempi moderni, con il cambiamento degli orari di lavoro e la necessità di conciliare la professione con la famiglia (in molti casi), abbiamo assistito alla nascita di un nuovo fenomeno, quello del “consulente di viaggio”. Una persona fisica, un agente di viaggio che non opera più all’interno di un ufficio, ma da casa propria, sfruttando internet e i social network per trovare i propri clienti nelle loro abitazioni o nei loro uffici.

Parliamo di figure professionali molto elevate, con un passato lavorativo presso un’agenzia di viaggio tradizionale, che negli anni hanno avuto la possibilità di crearsi un portafoglio clienti personale.

Il consulente di viaggi è specializzato e possiede un bagaglio di esperienza costruito nelle agenzie di viaggio tradizionali. Ha un portafoglio clienti personale

Oggi troviamo aziende specializzate che permettono anche a persone che vogliono cominciare l’attività con questo lavoro di formarsi per l’obiettivo, come ad esempio Cartorange e Evolution Travel, per citare le più storiche, le quali forniscono ad aspiranti consulenti strumenti, contratti e corsi per poter svolgere l’attività di agente di viaggio a domicilio.

L’agente o consulente di viaggio è una figura in evoluzione, ancora poco diffusa in Italia ma che raggiunge, in altre nazioni, quote di mercato pari a quelle delle agenzie tradizionali, godendo di diversi vantaggi come:

  • Assenza di vincoli all’orario di lavoro
  • Libertà di azione e maggiori possibilità di incrementare il proprio portafoglio clienti
  • Flessibilità in termini di orario e luogo d’incontro per venire incontro alle esigenze dei clienti
  • Continuare la professione anche dopo aver ceduto la propria agenzia di viaggio, riducendo così i costi (affitto locali, manutenzione, ecc…)

Questa possibilità ha diversi vantaggi ma anche alcuni limiti. Ad esempio la maggiore difficoltà di contatto con la rete commerciale dei fornitori di servizi, quelli che in linguaggio tecnico sono chiamati “produttori o promotori vendite” e che hanno il compito di incontrare gli agenti di viaggio nei loro uffici e presentare le novità commerciali e di prodotto delle proprie aziende (compagnie aeree, traghetti, alberghi, ecc…). Esistono poi giornali di settore come TTG Italia, L’agenzia di viaggio o Guida viaggio che consentono di informarsi sulle novità di mercato. La più grande difficoltà, forse, sarà riuscire a entrare in contatto con nuovi clienti facendosi aprire le porte di casa…

Foto: ijobs.it

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...